domenica 12 agosto 2007

Due azero

Ieri la serata s'e' afflosciata ai margini della citta' vecchia, davanti ad uno spettacolo di suoni e luci. Una torretta posticcia, sistemata ai piedi di uno dei tanti sproporzionati vessilli azeri, proietta su una fontana alla merce' del vento un filmato di mezz'ora montato su note alla Vangelis e imbottito di ogni tipo di retorica. Da quella del padre della patria che non c'e' piu' (ma che ha lasciato le chiavi di casa al figlio, come in ogni oliocrazia che si rispetti) a quella del lavoro, da quella dello sviluppo economico a quella dei balli tradizionali, da quella della difesa a quella della mungitura della vacca. Lo spot nazional popolare va in onda a giorni alterni. Applausi.
La sensazione e' che qui il petrolio produca piu' soldi che sorrisi. Che gli azeri non abbiano ancora capito se sono turchi in terra tatara, musulmani all'acqua di rose in terra ex sovietica o semplicemente ex malcapitati sulle sponde dello sfiatatoio del globo che ora ne traggono immensi benefici. Economici, perche' l'aria che viene dal centro del continente e' ventilata ma sul naso ha l'impatto di certe latrine. Questo posto ha tante Bmw e pochissima personalita'. E poi nella Disneyland del Caspio si sono dimenticati di montare i cestini della spazzatura.
Anche per questo nel giro di 24 ore Baku ha perso Natalia, Lukasz, Caterina, Fabio e Fabio. I primi due avevano atteso troppo il visto azero a Tblisi, e avendo i giorni contati son tornati da dove erano venuti. I secondi, credo&spero, sono imbarcati su quella cosa piena di ruggine e senza neanche il portellone posteriore che alle 6 della sera s'e' allontanata lentamente dal porto. L'ultimo della lista era pure l'ultimo arrivato, ma era anche una vecchia conoscenza di Yerevan. Fabio Gigli da Todi e' apparso stamane e sparito stasera. Ha fatto in tempo a condividere pensieri e parole, a regalarmi un libro di Kapuscinski, a farsi venire il torcicollo a forza di guardare fronte-retro tutte le signorine che passavano e a salutarmi con una lacrima. Mi sa che gli ho riempito la capoccia di chiacchiere.

p.s. non sono salpato con i motociclisti perche' il mio visto turkmeno e' valido a partire dal 15. E l'idea di passare 2 giorni a mollo a Turkmenbashi senza poter metter piede a terra non mi sconfinferava.

13 commenti:

Daniele ha detto...

mmmm ... buono ... cappuccinski ... mi raccomando, meglio se al mattino con una spruzzatina di cacao!!!
ma 2 a 0 ... come lo interpreto? hai fatto goal due volte?
ciao darìo.
daniele verruzzo

Dario ha detto...

Verrucchio mio, ieri mattina ho fatto colazione con un kebab ("niente cetrioli ne' cipolle, pajalsta"). Cercasi cornettari disperatamente.

Twingo ha detto...

Pure te che a colazione mangi i rigatonski co' la pajalsta.... e poi te lamenti!

Dasvidanija dal Baltico :))

paola ha detto...

anche tu leggi Kapuscinski!?! io sto finendo "L'altro" (che in realtà è un po' troppo assertivo: è una raccolta di conferenze esageratamente "concettuale" che si dilunga su teorie dette e ridette; preferisco il Kapuscinski reporter). Hai letto qualche cosa sua? Ai tuoi fan della radio consiglio "La prima guerra del football e altre guerre di poveri".
mi chiedo come mai la miseria umana di solito è direttamente proporzionale alla vicinanza ai soldi (a tal proposito, più o meno, sei sicuro che non passi per il Bangladesh?)...che dicono del famoso oleodotto BTC (Baku-T'bilisi-Ceyhan)? E invece dei cornetti azeri, sai che cos'è lo shashlik? dovrebbe essere cibo di quelle parti ma non ho mai capito di che si tratta.

paola ha detto...

e poi scusate l'ignoranza ma non capisco una cosa (e non ridete di me!): come funziona il fuso orario sul blog? con quale ora vengono segnati i post? se non sbaglio sei 3 ora avanti all'Italia, ma se hai scritto alle 17.54, Daniele ti ha scritto alle 18. 26 e tu gli hai risposto alle 18.32, significa che siamo tutti allineati sull'ora italiana. Ergo, stavi scrivendo in Azerbaijan dopo cena (invece di darti alla bella vita notturna a goderti le pubblicità-progresso per salvaguardare le bmw).

Anonimo ha detto...

Non hai segnato un gol disputando l'intero campionato allievi da centravanti titolare! E ora speri di trovare un ingaggio girando il mondo? Ma stattene a casa!

Anonimo ha detto...

bella dottò......se ci riesci riportami una bella azeraaaaaaaaaa!!!
Ernesto priverno

Anonimo ha detto...

Attento Da’ che purtroppo da 2 a 0 se passa a 2 a 5 come niente.... Fai attenzione ai peccati di “Juventud”

AleRoma55

Dario ha detto...

Erne', visti i precedenti la vuoi assieme alla mamma, alla figlia o al marito?

p.s. su questo blog scopro ogni giorno una cosa nuova. Ieri m'hanno rivelato che ho vinto alla lotteria, oggi che ho giocato un campionato allievi. Domani spero di scoprire perche' mai da Turkmenbashi mi scrive una fantomatica persona la cui mail non esiste...

Anonimo ha detto...

La C della fam. italiana berlinese in fondo l´hai incontrata proprio negli ultimi 2 post, Caterina ma non da Benevento, bensí da Casale Monferrato, e ora?? Piacere e delusione! Nulla di che!
Per collocarmi?? L´unica ad essere andata in pellegrinaggio da Antonio in Giappone! Il che, come vedi, suona quasi come una minaccia, in quanto potrei essere realmente capace di fare una capata australiana e sopportare di alleviare il mio sonno su cose somiglianti a quel materasso di qualche post fa!
Ma..mi piace dire che c´é sempre un ma..e questo ma porta pure B-sides positivi..ma so imitare Antonio alla perfezione (per Antonio: lo so caro che mi stai odiando!), in tal caso la mia presenza sarebbe solo per fare le veci di qualcuno molto piú importante di me!
il "buona continuazione" resta!
c

paola ha detto...

bè, almeno qualcuno ti aspetta...spera che abbia buone intenzioni. Oggi ho scoperto che Rostropovich (il violoncellista) e anche Lofti Zadeh (con cui ho avuto a che fare per la mia tesi) sono nati a Baku! ma ci sono stati per poco

Dario ha detto...

Manco Gentile con Maradona...

paola ha detto...

i riferimenti calcistici non valgono! sono solo per una ristretta cerchia di intenditori ;)