giovedì 12 gennaio 2012

Open

DAY 15
Adam Altschuler m'è venuto a cercare mentre sbirciavo Nole e Rafa uscire dagli spogliatoi per entrare in campo. "You're my good karma", mi ha detto. Giusto perché l'ho intervistato il primo giorno del torneo, e oggi la sua Bethanie Mattek-Sands (guardare per credere)
ha vinto il titolo di doppio misto. E non gli avevo neanche detto che è andata allo stesso modo con Radek Stepanek (che ha vinto il suo primo Slam di doppio a 33 anni), e Sam Sumyk (che allena l'Azarenka, quindi oltre a "vincere" il suo primo Slam e diventare il coach della numero uno del mondo, ha pure intascato la percentuale sui 2 milioni di euro vinti da lei). Ah, se solo Rogerino si facesse intervistare.

p.s. Djokovic e Nadal decidono di chiudere la finale più lunga della storia del tennis Open verso le 2 di notte, un paio d'ore prima della sveglia. Ma ne è valsa talmente la pena che rimango per le conferenze stampa e poi vado direttamente in radio.

DAY 14
Scanagatta è stato allontanato da Melbourne Park fino alla fine del torneo per utilizzo non autorizzato della videocamerina. Io invece ho rischiato tre giornate di squalifica per fallo di reazione su una tipa mezza ubriaca che mi ha rovinato lo stand up. La moviola avrebbe mostrato chiaramente che il mio gomito ha deliberatamente raggiunto il suo occipite sinistro. Ma l'ho fatta franca.

Interviste: Fest, Velickovic
DAY 13
John Toscano, il fotografo che quattro anni fa diffuse la notizia della mia ospedalizzazione quando dall'ospedale mi avevano già cacciato a male parole, mi ha presentato Santo Cilauro. E' un personaggio nato a Melbourne, come intuibile non ha origini norvegesi, e conduce il Mai dire Gol locale su Channel 7. Se non lavorassi per la concorrenza mi avrebbe già assoldato per recitare una parte nella sigla del programma. Ma non ha escluso di chiamarmi per fare altre cose, tipo Bibendus o Frengo e stop.

Interviste: Sam Smith (anche se è laziale e dicaniana), Alexander Zilbert di Sovetskij Sport (ribattezzato Johnny Balbuzio), Sara Errani (per la settima e credo ultima volta), Roberta Vinci.

DAY 12
L'Australia è l'unico Paese al mondo che non celebra la festa nazionale nell'anniversario dell'indipendenza, della firma della costituzione o della nascita del Kim Jong Il di turno, ma nel giorno dell'insediamento di una colonia penale. Il fatto che prima dell'arrivo di 700 prigionieri e 330 carcerieri ci fossero 300.000 aborigeni, poi largamente sterminati, porta questi a battezzare il 26 gennaio the Invasion Day. Oggi quattro gatti dei loro hanno protestato contro la primo ministro e il leader dell'opposizione con le lingue di menelik e quegli invasati dei bodyguard hanno scatenato un parapiglia in stile 22 novembre '63.

Più di 3 ore davanti al computer Gianni non ci sa stare. Perciò oggi che gli tocca seguire il serale (presenti Federer e Nadal?) è arrivato alle 18, quando una semifinale femminile era finita e l'altra era al terzo set. Gianni si è presentato avvolto in un striscione azzurro dell'ANZ, la banca sponsor del torneo: prima gli ho chiesto se me lo passa come tenda per la doccia o come anticipo sulle provvigioni, quindi gli ho comunicato che era passato a cercarlo Ken Rosewall. In sua assenza l'ho sequestrato e intervistato.

Interviste: Ken Rosewall, Neil Harman, Cinà&Lozano, Bracciali
Servizi: Australia Day, stand up 1&2

DAY 11
In radio era il giorno del dibattito, con le linee aperte agli ascoltatori: oltre alla solita telefonata fasulla rompighiaccio e all'immarcescibile signora Anna, hanno chiamato due persone di anni 91.
Interviste: Navarra, Di Palermo, Errani, Vinci.

DAY 10
Il libro non me l'ha ancora passato, ma a mezzanotte e nove minuti Gianni mi ha chiamato per sapere se era vero che Berdych aveva sprecato un set point nel secondo contro Nadal. Gliel'ho confermato, ma quando stavo specificando che aveva messo in corridoio una volèe di rovescio non impossibile, Gianni mi ha stoppato. Perché i dettagli non gli interessano - nel suo articolo scriverà solo che Berdych gioca meglio a tennis ma non ha né testa né cuore. I lettori di Repubblica mi diranno quale giro di parole ha arrotato per esprimere 'sto concetto.

Mi rifiuto di pensare che uno che ieri stava in macchina con me, mamma e papà e non staccava il muso da un manga in bianco e nero possa dare fastidio ad uno che viene scudisciato quotidianamente da Ivan Lendl e che oggi si è andato ad allenare sui campi di Kooyong a mezzogiorno con 33 gradi. Versate lo stipendio mensile su Murray in 3 set.

Interviste: Chris Brown (CEO Kooyong), Crivelli, Lozano, Errani, Vinci
Servizi: Kooyong, stand up 1&2

DAY 9
Quattro anni fa Gianni buttò lì che avrebbe scritto l'introduzione del mio libro sul giro del mondo perché la via della seta era sempre stato un suo sogno. La proposta poi cadde, forse perché se l'era dimenticata (lascia stare che il libro non l'ho mai scritto).
Ieri mi ha buttato lì di fargli da agente letterario in Australia per il suo libro sugli aborigeni. Oggi vedo se se lo ricorda ancora.

Interviste: Stepanek, un gruppetto di ultras catanesi, Errani, Barazzutti.
Servizi: stand up1&2, i tatuatori.



DAY 8
Per un attimo col buio m'ero illuso che il ladro m'avesse restituito la bicicletta (cosa fra l'altro gia' avvenuta col precedente ferro vecchio), invece mi hanno solo fregato il posto. Poi sono scoppiati 35 gradi e ho fatto allucinazioni di altro tipo.
Nicolas Almagro, cagnaccio simpatico come un pugno di sabbia nelle mutande, tira una pallata addosso a Berdych in uno scambio sotto rete e fa il punto. Poi gli chiede scusa perché così si fa, ma il ceco non gliela perdona e pur vincendo di straforo 4-6 7-6 7-6 7-6, a fine partita non gli stringe la mano. Il pubblico si schiera dalla parte dello spagnolo e bombarda Berdych di fischi. Così Almagro si presenta sorridente nella mini conferenza stampa e a sette giornalisti iberici, uno argentino e uno italiano imbucato (io), dice: El pueblo es savio. (Y jamas sera vencido, aggiungo).

Interviste: 8. Jack Reader - visto che c'ero - in radio. Wataru Tsukagoshi (il Rino Tommasi giapponese), Xiaochen Sun (il Riccardo Bisti cinese), Pablo Lozano (due volte, la prima l'operatore s'era dimenticato di accendere il ricevitore del microfono), Francesco Cinà, Tathiana Garbin, Camilla Rosatello, Sam Sumyk - in tv.

DAY 7
Nel circuito c'è solo una persona più schizzata di Dolgopolov: il coach di Dolgopolov. Si chiama Jack Reader, pare il Peter Fonda di Easy Rider, parla una via di mezzo fra l'australiano, il tedesco e il vicentino, e quando gli dici: "Ah Giacomo, 80 colpi vincenti sono tanta roba, ma sul 6-6 non è il caso di prendere qualche rischio in meno?" si aggiusta la chioma da hippie e con la voce arrochita risponde: "No, no, va bene così. Anzi, ne deve prendere di più, di più!". Poi ride. E più tardi ti manda un sms per sapere dove mangiare la pizza a Melbourne. Lui che è di Adelaide. E poi ti richiama per dire che la pizza era così così, ma l'amaro Averna ha salvato la serata. E poi spegni il cellulare perché se ti devi alzare alle 5 non è che puoi stare appresso a Jack tutta la notte.

Interviste: Errani, Barazzutti, Napolitano (non quello del senso di responsabilità, uno juniores di belle speranze)
Servizi: stand up 1&2, Flinders Station (con tanto di coglionella sulla toponomastica australiana, girato un minuto dopo essere uscito dalla radio - ecco spiegate le occhiaie), e il percorso col tram dal centro all'impianto con l'arrivo degli spettatori. Fra gli altri tal Giancarlo di Roma, il quale mi ha detto che è in Australia perché si interessa di biologia. Ma non ha spiegato a dovere il nesso fra il tennis e il mondo animale.

DAY 6
Altra sveglia Totally Unnecessary (dedicata all'amico Panofsky) alle 6. I match sono così scontati che sembra di essere tornati indietro di 20 anni e sono così brevi che sembra di essere andati avanti di 30 anni. Le uniche eccezioni sono i serali, dove succede sempre qualcosa di giornalisticamente rilevante, Kukushkin schianta Monfils, Serena litiga con le falene e Dolgopolov perde tirando 80 vincenti. In altri termini: di giorno bisogna sempre estrarre conigli dai cilindri e di sera si va a dormire tardi tardi. Comincio ad accusare.

Interviste: 3 (Pablo Lozano, Romina Oprandi, John Newcombe).
Servizi: 3 (stand up 1&2, Ferrer e gli autografi)


DAY 5
Cercasi idee disperatamente. Vabbé che quello che ho detto ieri, già oggi non se lo ricorda nessuno (a meno che non sia uno strafalcione, nel qual caso me lo porto nella tomba), ma rifare i servizi di colore dell'anno scorso non mi pare la via più breve verso il successo.
E dopo l'uscita di tutti gli italiani tranne una e mezza, se l'unica idea che mi è balenata è quella di stanare il cimitero delle racchette fracassate da Baghdatis mi sa che sono condannato a svegliarmi alle 4.

Interviste: 6 (Tiley, Starace&Bracciali, Errani, Vinci, Barazzutti, Pennetta&Dulko alias signora Gago, alla quale non ho potuto fare a meno di chiedere se nel frattempo è diventata tifosa daaa magggica)

DAY 4
Pure a Melbourne rubano le biciclette. Evento tutto sommato probabile, quando tua moglie non lega la catena.
Per la prima volta dal 22 gennaio 2004 il match di Federer non era programmato sulla Rod Laver Arena. Purtroppo la schiena di Beck (ex allievo del Pistola) ha ceduto, il tedesco si è ritirato e non c'è stato concesso di vedere il Maestro su un campo normale.
Francesca Schiavone è talmente squilibrata che quando vince mozzica e quando sbraca contro la numero 80 del mondo ride e scherza.
La vittoria della Hantuchova potrebbe valere un tablet. Ma finché non vedo la pizza del primo turno non ci credo.
Interviste: 4 (Bolelli&Fognini, Cipolla, Schiavone, Oprandi)

DAY 3
Se l'unico giorno in cui non sei di turno in radio pur venendo da 18 ore filate di lavoro ti svegli alle 6, significa che è giunta l'ora di un salto in farmacia. Piccola testimonianza trasversale - ce ne fosse ancora bisogno - della antipodica considerazione del lavoro:
La radio australiana per la quale collabori e che già ti paga (e pure benino), fa una mezza gaffe sul tennis e corre ai ripari chiedendoti di intervenire ogni giorno 5 minuti sull'argomento. Prima ancora che tu chieda a che ora ti chiameranno, anticipa che ti verrà corrisposto un gettone extra.
Una radio italiana che non hai mai ascoltato e che non ti ha mai filato, chiede al tuo temporaneo datore di lavoro di chiederti di intervenire tutti i giorni. Gratis, perché è vero che sul contratto non c'è scritto, ma non è che al direttore puoi dire di no, e poi non si sa mai, è capace che in futuro eccetera eccetera.
Interviste: 5+2 (Seppi, Viola, Lorenzi, Vinci, Errani, Volandri&Starace non in video)
Servizi: stand up 1&2

DAY 2
Basterebbe dire che la sveglia ha trillato alle 4.25am per dire che la giornata poteva solo migliorare.
Guardare la partita nel box di un coach di tennis può essere un'esperienza un po' rischiosa - se il tuo datore di lavoro ha perso col suddetto in tribunale e non gradirebbe la tua presenza lì - ma anche molto proficua, se il suddetto coach promette pizza, dolce e birra in caso di doppio fallo dell'avversaria e quella commette 3 doppi falli esattamente quando il coach li chiama.

Interviste: 9 (D'Aprile, Serrao, Scanni e Pistolesi in radio, Cipolla, Oprandi, Schiavone, Fognini, Brianti in tv)
Servizi: 2 stand up (senza mai sbirciare gli appunti)





DAY 1
Dopo una cenetta con Pistolesi a base di carbonara, tiramisù (grazie, canguro'!) e Venditti, ho cercato invano fino a mezzanotte le presentazioni della metà dei servizi che dovevo annunciare stamane. Non le ho trovate per un motivo semplicissimo: non c'erano. Le conseguenze sulla mia alba in radio sono state tossiche.
Quelle sul tennis sono state quasi peggiori. Per raccontare nello stesso servizio cosa sono l'MCG e il ponte di Barak (quello di Mimì) mi sono perso sulla Yakimova, la Bratchikova, Kudryatsev e Kutznetsov. In pratica m'è scappato l'occhio sul foglio degli appunti. Una vera pippa.
La ciliegina sulla giornata è stata tornare in radio al tramonto per finire di editare una storia e un'intervista. E scoprire che nonostante nove telefonate, decine di mail e sms, un inseguimento tragicomico (io pensavo che fosse lei "al tennis" a Melbourne, lei era convinta chissa' perche' che io fossi "al tennis" a Sydney - hai voglia a cerca' lo stand della Corona), la manager di Maradona poteva darmi solo due minuti e 30 di monosillabi per la trasmissione di domani.

Interviste: 5 (Lorenzi, Barazzutti, Viola, Altschuler, Derudi)
Servizi: 3 (Isola del Giglio, Clinton sull'Algeria, stand-up)
Ore di sonno: 4
PREQUEL
Negli ultimi 2 mesi la sveglia ha suonato un fottio di volte a un quarto alle cinque. Perché è vero che da casa a Fed square sono dieci minuti scarsi - e sarebbero la metà se la bici non pesasse come un capitello corinzio - ma quando devi confezionare trasmissioni al secondo (e se sfori di due, come ho fatto la mattina del primo gennaio, ti becchi un richiamo ufficiale), è meglio arrivare in radio assieme all'amico nepalese che pulisce l'androne. Prima dell'alba.
Negli ultimi 2 mesi mi sono occupato di Libia e di Algeria, di Siria e di Iran, di Nigeria e di Stati Uniti, dell'alluvione del messinese e dell'arresto di Zagaria, di evasione fiscale e di cure palliative, di insonnia e di mozzarella di bufala, di compagnie aeree low cost e del Natale a Medellin, di incendi a Margaret river e di gambizzazioni a Roma, di spread e di documentari sul malocchio, di a-league e di vela, di fuga degli studenti indiani dalle università australiane e di tivvù, di potere d'acquisto del dollaro e di donnine che albergano a Scoglitti (lo so che è un'altra storia, ma non riesco a togliermela dalla testa). Perché la chiave del giornalismo è la specializzazione.
Infatti un tempo ce l'avevo pure. E non era stata scelta a caso.
Per cui svegliarmi alle cinque, arrancare nove minuti in bici, litigare con Netia, iNews, il Cartstack e il cronometro, parlare in successione di Ban Ki Moon, musica aborigena, cricket e sagra del culatello, da domenica sarà un po' più leggero. Perché poi alle 10 in punto timbro il cartellino e vado a Melbourne Park fino a mezzanotte.
Il fatto che mi restino 4 ore di sonno è un dettaglio compensato dal marsupio porta tablet incluso nel kit per i giornalisti.

118 commenti:

Anonimo ha detto...

Sei consapevole che aver nominato la parola "culatello" incrementerà le visite dei peggiori elementi dei bar di caracas?


Pure il tablet t'hanno dato... poi dice che lavora...


Onnis

Dario ha detto...

Non il tablet, solo la custodia gommosa col logo del torneo.

Anonimo ha detto...

Alla buon ora!!! ...che detto a te che ti svegli prima che sorga il sole sa un pò di presa in giro...e forse forse.... :P

Stefania

p.s. Salutaci Rogerio. :-)

AleRoma55 ha detto...

Dario, dove posso scaricare la tua splendita foto fatta il 17/6/2001 alle 17:15 dove il sole crea una sorta di occhio di bue sul prato Olimpico. Hai sul tuo pc Melbournese il relativo file?

AleRoma55

Anonimo ha detto...

Ale, se adesso viene fuori che il dettaglio delle 17:15 di un giorno di quasi 11 anni fa è frutto esclusivo della tua memoria e non di un appunto, io mando a quel paese te e quell'altro elefante (in termini di memoria) di Dario...


Onnis

Anonimo ha detto...

...dicembre, ho detto dicembre!!! te lo ridico?, dicembre...le ferie da ora in poi e fino a quando non mi licenziano o cambiano di destinazione, saranno l'ultimo mese dell'anno. Alla fine tutto quadra. È per questo che sul tuo sito ci sipuò arrivare digitando molteplici parole....tutte hanno un significato. Di fatti, ti comunico che mi sento un pò come quelle donnine di Scoglitti......come?, usato!!! Ma scusa non puoi fare un collegamento almeno di 3 minuti al skype invece di scrivere tre parole contate per così dire, continuare ad avere un rapporto? :P

Cmq complimenti per il "culatello" che ti fai.....speriamo che non sia "in".....vabbè dai, ci risentiamo dopo gli Open...

G"in"bacon

AleRoma55 ha detto...

Luca onestamente 17:15 era orientativo, la foto credo che Dario l'abbia scattata tra le 17:00 e le 17:30. "Quel giorno di quasi 11 anni fa" era semplicemente il dì dell'ultimo scudetto.
AleRoma55

Anonimo ha detto...

Un grazie ufficiale a Onnis, lui sa perchè:-)

Vedi che poi fa' con Roger e Rafa...

Ci sentiamo post Australian Open!

p.s. te lo ridico Dariu'...siete proprio belli belli!!!

Zucchi & family

Rita ha detto...

aaaarrrrggggggggggggg... invidia pura!! Ovviamente solo per ciò che farai dalle 10.01 a.m. in poi... ;D
Visto che sarai lì lì per portare sfiga (non voluta, ci mancherebbe..) al ns. fantastico Rogerino credo che sarebbe meglio (per me) cominciare a metabolizzare una non vittoria svizzera.. Giusto?

Dario ha detto...

Luché, ti spiego l'arcano: bastava andarsi a prendere una pizza insieme a via Vetulonia. Come dici? L'abbiamo fatto un sacco di volte? Beh allora m'aRendo.
AleRo', credo che il poster (fuochino, Luché) riporti le 17.04. Ma era un orario stimato dal sottoscritto e dall'attuale capo della comunicazione daaaamagggica, perché in quei momenti nessuno stava a guarda' l'orologio. Purtroppo la foto non ce l'ho. L'avevo scattata in analogico (in realtà erano due in successione - l'obiettivo 16 è arrivato solo una settimana fa - poi unite dal grafico di rosso&giallo) e non l'ho mai scansionata. Quando tiro le cuoia ti lascio i negativi in eredità.
Stefa', la precedenza sul sonno e sul tennis ce l'ha sempre e comunque l'aggiornamento del post precedente. M'è appena spuntato: "video porno di vecchie nonne che fanno sesso con bottiglie".
G&dammipiùditreminuti, è che il culatello si sposa poco con skype e il laptop pochissimo con l'istinto alla procreazione. Dicembre è quel mese nel quale nell'emisfero settentrionale fanno in media 5 gradi e a Pyongyang 6 sotto zero? Vanuatu, invece? :)
Zucchì&fam, ma bello bello come Massimo Ghini o come George Clooney? :)
Ri', invidia per il pranzo di Natale core a core con la Schiavone o per il marsupio porta tablet? :)

Vo al sorteggio dei tabelloni, c'è sempre una prima volta.

giancarlo ha detto...

4 ore (consecutive) di sonno mica sò poche...

vabbè visto che sei esperto dicci chi vince....allora federer no per ovvi motivi...nadal no. ancora djokovic? scontato...murray e il suo nuovo simpatico coach?

io dico tsonga (che a causa del mio pronostico andrà fuori al secondo turno)


ma perchè mò in australia conoscono massimo ghini?!?

Anonimo ha detto...

""Quel giorno di quasi 11 anni fa" era semplicemente il dì dell'ultimo scudetto"


...che FAIL megagalattico. Mi merito di stare in ginocchio sui ceci.


Onnis

Anonimo ha detto...

Si tutto molto bello e "sghicio" ... tranne le nuove sneakers di Federer create x l'occasione.... nun se possono vede'...

Stefania

Anonimo ha detto...

pensa Dariu', quel giorno di 11 anni fa c'ero anche io sul prato dell'Olimpico, a pochi metri da te e dal diretùr...

Zucchi

Anonimo ha detto...

Che tu ti possa sentire o ritenere una pippa radiofonica e/o giornalistica mi sembra impossibile...vorrei proprio sapere come sono gli altri (sai com'è, qui siamo abituati a un certo livello...basso:-)
p.s. so che non ci crederai ma, complice questo teppista alquanto impegnativo, mi sono ormai disintossicata da tutte le radio!!

Zucchi

federico ha detto...

mi pare di capire che questo gennaio alla faccia della crisi stia portando lavoro (diversamente pagato) un po' a tutti... bene, o male... cmq pare sia cosi!
volevo fare un saluto volante, sono sotto stress lavorativo eccessivo, compensato da euforia da preinnamoramento... o anche senza pre, non lo so più. la mia presenza in giro per roma nottura si è pesantemente affievolita, per entrambe le cause e cosi in mancanza di un buon concerto mi rifaccio ascoltando un concerto dei Beirut http://www.npr.org/event/music/143636141/live-wednesday-beirut-in-concert
non so come mi sento, il negroni rende liquidi i miei pensieri ed i Beirut li rendono felici, spassosi, dopo quasi un paio di mesi sono di nuovo solo una sera a casa e fra le varie cose che sto facendo volevo salutare tutti voi e dare un bacio grande a dario che non sento da davvero troppo tempo, sappi che a volte skype aiuta... magari dopo gli open che con tanto ardore seguite... torno alla mia musica, all'anno 1Q84 di Murakami, ai miei pensieri liquidi...
baci

Rita ha detto...

... King Roger non gioca sul centraleee???? 'Sti australiani mi hanno rotto i cabasisi!! ;p

elena ha detto...

Il tuo blog me s'è magnato il commento. Era lungo e ispirato.
Vabbè tanto ormai bazzico il tuo blog e seguo le tue vicende australiche (anche con una certa apprensione). cio darietto bello.
elena

Anonimo ha detto...

Qui tra pensieri liquidi, King Roger declassato manco fosse un paese europeo, Onnis che se dimentica uno dei giorni più belli della sua (e nostra) vita e Dario che incredibilmente lavora me sta a rivoltà er monno (infame ...direbbe Venditti).

Comunque detto che laggiù sei sprecato e che si....legare la bici aiuta, saluto tutti con affetto.


Ingegnere

Anonimo ha detto...

Fede, che bello l'innamoramento? Infatti sembri proprio sulle nuvole:-) Quando ricapiti da queste parti mi fai una recensione volante dell'ultimo di Murakami? E' all'altezza?

Ti danno pure il gettone per l'intervento quotidiamo extra...non ti lamentare:-) e poi, visto che sei abituato a non dormire, quando vieni a Roma ti fai un paio di notti in camera da pranzo a casa nuova col teppista...non ti preoccupare, ho previsto il divano con penisola e anche letto, così state più comodi, ok? Per intrattenerlo ti suggerisco di raccontargli qualcosa dei tuoi viaggi... è possibile che abbia una memoria migliore della madre e che ti ascolti con estrema attenzione...:-D

Baci a tutti

Zucchi

p.s. comunque sei bello come Dario...chi ti ha paragonato a George Clooney non stava bene...

Anonimo ha detto...

E che t'ha risposto "lady gaga":
"claro que si" o "daje Roma daje"?!?
:P

Stefania

Dario ha detto...

Non solo ha sposato la religione, Stefa', ma pare che stia convertendo anche la Pennetta. Per la cronaca i Gaghi vivono a due isolati da casa Totti.
Tranqui, Rita. Pur di non commettere più sacrilegi del genere, domani sul centrale mettono 3 match maschili e uno solo femminile. L'ultimo.
Archite', dilla a Zucchina quella cosa del lavoro per tutti.
Biondi', le anziane signore romane sì.
Simo', la cangurotta ha provveduto a rimediarne un'altra di seconda mano su ebay talmente brutta che non se la dovrebbe fregare nessuno.
Barba', ispirato come "il sintomo è una sorta di indovinello: è necessario con umorismo e brillantezza aggirarlo, togliergli potere, prenderlo in giro e non essere dominato e beffati da esso – si chiama prescrizione del sintomo" o come "nelle donne non solo il ruolo sociale è più complesso di quello maschile, ma alcuni assetti ormonali creano una particolare vulnerabilità a sviluppare patologie psichiatriche"??
Nel caso ritiralo fuori perché nella patria dello zero carbonella se ne sente il bisogno.

Anonimo ha detto...

Tutte queste interviste a Viola? Ma quando mai? A me mica mi hai mai chiamato....
Ermanno

Rita ha detto...

a Da' ma hai cominciato a far uso di droghe? Non ne vale mai la pena, a maggior ragione x il tennis.. Benché io ti stia invidiando tantissimo.. E non per la sveglia! :)

Dario ha detto...

No Ri', ma dovrei. Alcune cose si giustificherebbero e altre si sopporterebbero meglio. Quanto alla perdita di lucidità, tanto è solo questione di tempo :)
Erma', quando annullerai 9 match point, ti qualificherai per un torneo dello Slam e ti metterai con una che si chiama Wendi con la i, toccherà anche a te.

bobo ha detto...

non si può scrivere un libro sugli aborigeni senza avermi consultato... ma chi frequenti?

Anonimo ha detto...

.........e chi ha mai detto che ho pregiudizi sugli emisferi? ;)
io quel tipo di cose le ho per i miei capi e basta!!! Papuasia, Tumbuctu, Ciad o Vanatu.......io vado 'do voi tu!!! Un idea per un programma interessante ce l’ho senza andare al cimitero delle racchette………….parla degli internazionali di Kamarina, quel posto idilliaco a un tiro di schioppo da Scoglitti, cosí, con un luogo del genere, puoi spaziare come meglio credi………
G&cassata

PS: il nesso tra Giancarlo e il tennis é la Caroline che ha adottato un canguro……………svelato l’arcano????

Dario ha detto...

Bobbi', è una questione di tempo libero: Clerici ce ne ha parecchio più di te e me messi insieme e moltiplicati per quattro.
G-ventennale-&ich, domattina visto che non mi sveglio presto per andare in radio mi sveglio presto per andare a Kooyong. Che non è la traslitterazione di un insulto coreano ma è un'ex località aborigena, poi ex sede degli Australian Open.

p.s. avendo fatto sorridere Stepanek oggi sono autorizzato a sentirmi un essere superdotato. Come pare che sia lui.

Anonimo ha detto...

Ma la Errani nei quarti? Meno male che ci sono le femminucce a tenere alto il buon nome del tennis nostrano...

Stefania

p.s...sul superdotato ed il suo significato intrinseco....ecco, io glisserei... :P

Anonimo ha detto...

Una domanda e una riflessione.

Domanda:

ma tu che ne sai di Stepanek?

Riflessione:

.....lo vedi che c'ho un amico pirla: non scriverlo il libro sa......!


Ingegnere

Anonimo ha detto...

"(lascia stare che il libro non l'ho mai scritto)"


No, lascia stare un par de grucciole (cit. una pubblicità che non puoi aver visto - o almeno lo spero per te).

Ha ragione l'Ing. sei un *$%!"$%! (mi rifiuto di usare "pirla" come insulto).


Onnis

Anonimo ha detto...

Ingegnere mi ha rubato le domande dalle dita.

Per quanto mi riguarda per il futuro non mi sento di escludere nulla ma di certo Wendi con la "i" no. Questo mai...

Ermanno

Dario ha detto...

Tranquifunky, Gianni disse pure che i racconti erano troppo in prima persona. Puzzava di bocciatura.
Erma', giuro che al tuo omonimo ho chiesto se si scriveva con la U :)
Stefa', Simo' - gli spogliatoi sono piccoli e la gente mormora. Poi aggiungeteci che Stepanek:
- si mise con la Hingis - non proprio Maria Goretti - quando lei flirtava solo con supermodelli o all'occorrenza se li comprava.
- si è sposato con Nicole Vaidisova, una specie di Sharapova meno algida.
- somiglia ad un rospo.

Anonimo ha detto...

Bòna 'sta Nicole Vaidisopra, non la conoscevo.


Onnis

Anonimo ha detto...

'Spe, che se il manga in questione era "Jenny la tennista" (Ace wo Nerae - エースをねらえ) magari uno 0,000001% di portare a casa un set ce l'ha!

Stefania

Anonimo ha detto...

Pure i caratteri giapponesi! Questa è classe!
Massima stima! :D


Onnis

Dario ha detto...

No Ste', né Jenny né Ken il guerriero - era una via di mezzo fra Doraemon e Sailor Moon. Infatti ha scajato 6-3 6-3 6-1. Se qualcuno ha dato retta a sto fesso stasera festeggia.

Anonimo ha detto...

leggo i commenti sperando in disquisizioni squisitamente tecniche sulla voleè di rovescio di Rafa...o al massimo qualche critica alla Roma di Luigi Enrico che ieri ha fatto abbastanza ridere...e mi ritrovo tra "bona quella" o "Stepanek è un superdotato"...mamma mia, che pochezza:-) Oh, scherzo eh!!!!
E comunque considerando che anche tu assomigli vagamente a un rospo e che Jessica è 1000 volte più bella della Sharapova (e che non si spiega perchè abbia scelto proprio te...:-D)potrebbe anche essere che tu possieda delle doti insospettabili... Chiediamo a chi ha condiviso con te spogliatoi a Kamarina:-)
Vabbè, dai, ho detto una serie di idiozie...è che sono leggermente esaurita.

Domani mattina cerco di vedermi, teppista permettendo, la semifinale Roger-Rafa...come va va sono contenta.

Baci a tutti

Zucchi

Dario ha detto...

Zucchi', se aspetti le volee di Nadal possiamo continuare a parlare delle superdoti di Stepanek e delle mie.
Rafa-Roger e' da lacrimuccia preventiva.

giancarlo ha detto...

primo set vinto da federer al t-break. partita non bellissima finora, nobilitata dai 2 punti decisivi di roger nel t-break (attacco in controtempo e volèè di dritto e nel punto seguente splendida demi di rovescio).
per il resto tanti errorri (3 rovesci steccati da federer 2/3 smorzate sbagliate)

castà nadal si è andato a giocare un putno a rete, non ho capito però se la discesa era dedicata a te e alle tue presuente superdoti o a zucchi

cmq alla fine vincerà il ciclista in 4 set

Anonimo ha detto...

Chiara, non potendo seguire i match, mi accontento di cercare su internet foto delle tenniste :)
(ma - 'cci vostri - nominatele solo se sono carine!!! Ho visto le foto della Errani e m'ha preso uno sturbo)


Onnis

Anonimo ha detto...

se la stanno giocando punto a punto...ma alla fine vincerà Rafa

Zucchi

Anonimo ha detto...

Hai visto che braccia possenti la Errani? Io mi sto vedendo il match in streaming...

Z.

Anonimo ha detto...

"Zucchi', se aspetti le volee di Nadal possiamo continuare a parlare delle superdoti di Stepanek e delle mie."

Dariù la battuta in risposta a quanto sopra era scontata ma siccome non mi piace vincere facile, glisso.


Onnis

Anonimo ha detto...

"Hai visto che braccia possenti la Errani?"


Brivido, terrore, raccapriccio (cit.)


Onnis

Dario ha detto...

Luché, questa è peggio del del poster dello scudetto: nel post che stai commentando c'è la Errani in video e te cerchi le foto. Il buon Dio con te è stato avaro.
Gianca', me sa' (cit.).

Anonimo ha detto...

Onnis....sempre detto che sei un signore!

Ragazzi miei.....un pò come per la Roma: possono vincere gli altri, ma alla fine parliamo di tennis? il tennis è Roger King Federer....e basta. Come il calcio è la Roma di Liedholm, di Eriksson...di Zeman....di Spalletti....è un'altra cosa....è il gioco. Non la potenza o il ribattere tanto per...

Ingegnere

Anonimo ha detto...

Dariù ma nel video si vede solo il viso.

Te devo di' tutto ao', mamma mia che sei.


PS:
quanto sopra per confermare quanto detto pocanzi dall'Ingegnere.
Perchè a me in quanto a finezza non me lo butta ar culo nessuno.


Onnis

giancarlo ha detto...

il tennis è finito quando di è ritirato john patrick. certo poi sampras e federe sono stati un bel vedere

castà quello mio di oggi è stato un pronostico...altro che il tuo su murray e lo sfigato orientale

Anonimo ha detto...

@Onnis....AHAHAHAHAHAH....bonjour finesse! Sul giapponese, sono i poteri del "copiaeincolla". L'unica cosa è che non sapendo il suddetto idioma potrei avere postato un "vattelapijandersecchio" nella lingua del Sol Levante. ;-)

@Biondo, ti sottoscrivo e pure de più sulla tua prima frase. SuperBrat for ever.

Stefania

Dario ha detto...

Onnis, brutto porco (cit.) ce stai a di' che una volta vista la faccia volevi pure vede' il resto? Ma una scatola di Moment per Giordana no, eh?
Biondi', non c'era quota. Un Nadal così assatanato Federer lo batte solo se si ritrova avanti per miracolo di 2 set e un paio di break.
Ste', si diceva lo stesso dopo Laver. Poi arrivò Mac. Poi arrivò Edberg, poi PistolPete e poi Rogerino.
Quinzi (un Raonic con meno servizio e un po' meno gobba) ci salverà.
Altrimenti ci diamo tutti al football australiano.

Rita ha detto...

eh però sti ribattitori di palle da tennis mi hanno veramente rotto i cabasisi..
come dici tu sono soprattutto assatanati, ma la "poesia" non la conoscono..
e poi 5 anni di differenza incidono troppo a questi livelli.. 30 contro 25 sono un abisso..
però Dario io contavo su di te, nel senso che, dal momento che è difficile che Rogerino nostro vinca con te come spettatore, almeno aiutalo in altri modi.. che so un po' di olio di ricino mischiato nell'acqua nun se poteva fa' ;D

Rita ha detto...

nell'acqua di Nadal naturalmente..

Anonimo ha detto...

Ri', bastava pure un po' di febbretta o di cacarella del nostro Dario! Anzi che con Dario li Roger abbia vinto un set.........


Ingegnere

Dario ha detto...

Ri', mi sono immolato per la causa restando tutto il tempo sotto coperta. Anzi, quando sono scattati i fuochi d'artificio sono partito con la telecamera per immortalarli dal ponte di Barak. Quando sono tornato ho scoperto che in mia assenza Rafaelluccio gli aveva fatto 11 punti di fila, a Rogerino. E lì sono tornato sotto coperta, anche perché quest'anno sul centrale non mi fanno entrare.

Rita ha detto...

ggrrr... dove è finito il mio commento di risposta all'ingegnere???...
Allora dicevo che, siccome non abbiamo potuto contare sull'intervento divino per "eliminare" Dario dalla partita, speravo che almeno lui pensasse a un rimedio diretto e preciso sul soggetto!!!
A Da' ma che te dovemo di' tutto noi?
;p

Rita ha detto...

e se vede che per far perdere Rogerino basta che sei presente in loco.. anche senza assistere..
uff... dilettante che sei...
;D

Anonimo ha detto...

Avete visto la presa al volo del raccattapalle durante Federer-Nadal?

http://video.repubblica.it/sport/tennis-l-eccezionale-presa-al-volo-del-raccattapalle/86724?video


Onnis

Dario ha detto...

Ri', sono uscito dallo stadio. Per uscire dal Paese servono 5 ore di volo.
Luché, il commentatore cita il grande Ricky Ponting. Vuoi sapere chi è o fai uno squillo ad Antonio Maggiora Vergano?
Ingegne', e Luis Enrique? ;)

Anonimo ha detto...

...il ragazzo si farà.... ;-)


Ingegnere

Anonimo ha detto...

stiamo vedendo finale in streaming...

Zucchi

Dario ha detto...

Porca paletta che roba...

Anonimo ha detto...

bellissima finale...mi beccherò i tuoi insulti ma non ho visto l'ultima parte causa sovrapposizione con Roma-Bologna...Me ne pento!!!

Zucchi

Rita ha detto...

Ho visto la finale in differita (registrata sul mio dvd recorder) e sono stremata.. pensa loro..
Questi non sono atleti ma animali, al ns. Roger con il suo fioretto l'avrebbero sbranato.. mamma mia..
e poi tirate quelle bordate ad ogni punto, questi davvero si allenano come Jenny la tennista..
Ancora non ci credo..

Anonimo ha detto...

Molto meglio Nole che Nadalito Nadal...
Ho visto un passante di rovescio del primo ad una velocità tale che sembrava un videogame!

:-))

Stefania

Anonimo ha detto...

Il completino ghepardé della Betoniera (italianizzazione del nome ad uopo sulla falsa riga di Mikołaj Kopernik - Niccolò Copernico) mi pare una giusta chiosa per questi Australian Open.


Onnis

Anonimo ha detto...

Dariù ho googlato Ricky Ponting ma ho trovato riferimenti solo a un tale che fa uno sport strano le cui partite, stando a wikipedia, possono durare dalle ore a vari giorni, con annesse pause pranzo o pause merenda.

Mah.


Onnis

Anonimo ha detto...

Lu....mi meraviglio di te! Lo sai che Dario lascia sempre una traccia per le risposte alle sue domande.

Ora, il riferimento ad AMV...doveva subito farti capire che si trattava di Cricket.
Il massimo del dubbio sarebbe stato su: corse di tartarughe cinesi con lancio del coriandolo e tamburello...

Cmq se le son date. Detto che La Classe è altra cosa, e detto che tra i due quello che ne ha di più è Nole....ritorniamo come il classico cane che si morde la coda al mio discorso iniziale....

Ingegnere

Anonimo ha detto...

Djokovic-Nadal,5h e 53' di possesso palla:Guardiola va' a rubà! :-)
P.S. Nel frattempo,Noi c'avemo Simplicio che fa un ottimo possesso panza :D
Saluti da Roma
Pippiano

Anonimo ha detto...

bentronato Pippiano!!!

Zucchi

Dario ha detto...

Ri', pure io. La differenza è che a fine partita quei due avevano perso fra i 4 e i 5 chili. Io no :)
Ste', da federeriano moderato non posso che augurargli di finire sotto un tir, ma domenica notte Rafa m'ha fatto un po' pena. Comunque ho finito il libro di SuperBrat. Se vuoi conservare un filo di simpatia per il personaggio e di stima per la persona, te lo sconsiglio vivamente.
Luché, la giusta chiusura sarebbe stato tornare a casa con una cinquantina di bottiglie di birra, ma l'organizzazione deve aver capito che li avrei mandati falliti e quest'anno non lasciavano le casse aperte nel frigo alla merce' dei giornalisti.
Simo', anche io penso che si stava un po' meglio quando si stava un po' peggio, ma la verità non sta in Pietrangeli-Sirola nè si può pensare che il giusto mezzo sia quello che ci piace a noi ;)
Zucchi', ho chiesto a Djokovic se dopo un'overdose del genere avrebbe chiesto agli amici di bandire la parola tennis dal loro vocabolario per un bel po' e lui m'ha risposto: "Please, yes, please!". Tu saresti la sua amica ideale...

p.s. bentornato, Pippia' :)

Anonimo ha detto...

Se me lo sconsigli me lo sconsiglio anch'io, mi fido del tuo giudizio. .....comunque è tutta colpa di Tatum O'Neal... me l'ha rovinato lei!!
:P

Stefania

Anonimo ha detto...

Ho finito di leggere la biografia di Steve Jobs.
E sempre più mi domando che ca**o ci faccio ancora qui e non in giro per il mondo a fare foto.


Onnis

Anonimo ha detto...

A proposito "possesso panza", ma lo sapete si che Simplicio è soprannominato Supplicio?? Ecco, questo è ghettizzare le persone diversamente magre!

:P

Stefania

uno che va a trigoria ha detto...

Si specifica che Simplicio, detto Arnold, è tra i più longilinei jogadori in seno alla maggicasquadra.
Ma ha un esagerato possesso di guance che lo inibisce alla resa fotografica.

Dario ha detto...

Ste', dopo essere passato per quello psicopatico di Mac la poverina è finita nel tunnel delle droghe pesanti.
Non ho mai visto giocare Osvaldo, Lamela, Gago, Pjanic, Stekelemburg, Bojan, Borini, Heinze, Josè Angel e Kjaer (invidiosi, eh? :) con la maglia sssorica, ma leggo Kansas City da quando se n'è uscito con le pagelle del mercato estivo. So di Supplicio, della bambola assassina e di Franco.
Lo trovo illuminato come Thomas Mann e una virgola meno soporifero della Montagna Incantata.
Luché, ci bastava l'Ingegnere :)

p.s. La cangurotta ci tiene a farvi sapere che qualcuno pensa di introdurre gli elefanti per liberare l'Australia dalle piante infiammabili. E i draghi di Komodo per liberarla dai conigli.

Rita ha detto...

Oh lascia stare Osvaldo che ha la media di mezzo gol a partita.. 15 presenze 7 gol!!!
Lamela è ancora troppo imberbe e umorale, Gago, Pjanic e "Franco" non sono scarsi così come Bojan che però.. però.. al momento ha dimostrato ZERO personalità!!
Da Heinze non mi aspettavo di più.. anzi.. invece "quell'artri 2".. per l'Angioletto spagnolo temo non sia solo un problema di età e Kjaer (o Caer come ama dire qualcuno) dovrebbe fare solo il fotomodello..
... uff...
Qui fra un po' arriva la neve, per ora c'è solo taaaanto freddo!!

quel che resta di bobo ha detto...

La Roma attuale ha in rosa un solo giocatore (oltre Totti e De Rossi)che parla la lingua di una prossima grande squadra. Si chiama Miralem Pjanic.

Gli altri so' tutti progetti di giocatori... in un progetto di squadra.

Col grosso progetto de rompese li cojoni per almeno un altro paio d'anni.

Anonimo ha detto...

Bobo quello della rottura de zebedei non è manco più un progetto ma una solida realtà... Che amarezza profonda.... Se possibile vorrei che cote, caer e boggia se levino presto dai suddetti zebedei.
Stefania

Anonimo ha detto...

Quoto Bobo al mille per mille! Aggiungerei che in una grande squadra Stekelemburg ci può tranquillamente stare!

Gli altri fanno compagnia a me: braccia tolte all'agricoltura!

Ingegnere

P.S. ...cmq Dà, non è che vojo pè forza arrivà alla via de mezzo...tanto più che NON sono Democristiano e amo Zeman....(poi questa la spiegherò!)...però il ragionamento non faceva una grinza...ma lo facevo solo perchè stavo a rosicà!

Rita ha detto...

Ehilà.. siete ancora sepolti dalla neve?

Dario ha detto...

Oggi 31 gradi.

p.s. "invidiosi" era riferito solo a Kjaer ;)
p.p.s. Cote e Boggia sono due parlamentari leghisti?

Rita ha detto...

no dai.. nemmeno loro 2 meritano un simile doppio insulto (parlamentare e leghista).. :(

Anonimo ha detto...

Se per caso avete qualche problema a Melbourne ditecelo che vi mandiamo Alemanno...

Zucchi & Family

Rita ha detto...

Ma io lo manderei lo stesso.. così tanto per non sbagliare... ;D

Anonimo ha detto...

sì, infatti Rita, hai proprio ragione:-)

p.s. DDR è della Roma
p.p.s. avete visto che tacco? E che grande oggi la Roma di Luis?

Zucchi

Anonimo ha detto...

I parlamentari leghisti Cote e Boggia ieri hanno fatto il proprio dovere (in particolare il primo). Ma perchè vengano rieletti devono dimostrare continuità: una rondine non fa primavera. Una nevicata media invece paralizza la capitale d'Italia per una settimana...
Tutti gli spalatori e gli spargisale erano intorno all'Olimpico per accogliere al meglio l'Inter più orrenda degli ultimi 10 anni.
DDR resta per altri 5 anni, me pare bene no?
Un saluto esteso

Stefania

Anonimo ha detto...

S'è godicchiato anzichenò ieri.


Dariù ma la frase di Thomas Mann citata è per incrementare le visite di coloro che cercano su internet le cose zozze?


Onnis

Dario ha detto...

No Luché, era per spiegare ai più il broncio di Giordana.
Ri', per i problemi di Melbourne servirebbero Berlusconi e il mago Oronzo.
Zucchi', mi sa che quel 2-3 del San Nicola era la prima e unica vittoria della Roma battezzata insieme davanti alla tv di casa del Biondo. Non è che ce la tolgono retroattivamente, come i tour di Contador?
Ste', basta che non giochi come quella partita lì, ché Bentivoglio sta ancora a cerca' lo zigomo.

p.s. ho vinto un contratto part-time fino al 31 luglio: fra le pieghe si nasconde la riduzione retrodatata del compenso. Sono l'unica persona che conosco che si fa solare a Melbourne.

Anonimo ha detto...

... 6-1 6-0 6-0 per te. :D


COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

All'attenzione di Bobo.

Ho necessità di sapere il font utilizzato per la maglia della Roma stagione 2010/2011.
Ho visto sul sito asromaultras che le hai "disegnate" tu. Magari sei la persona adatta a cui chiedere.

Ringrazio in anticipo te o chiunque altro sia in grado di aiutarmi.


Onnis

Anonimo ha detto...

"Sono l'unica persona che conosco che si fa solare a Melbourne".

Evidentemente non sei l'unico a conoscerti...

Ermanno

bobo ha detto...

Se alludi a Kappa: Swis721 BlkEx BT che sta per Swiss 721 Black Extended

Se alludi a WIND: Swis721 Ex BT che sta per Swiss 721 Extended

Se scarichi il pacchetto free Swiss 721 li trovi dentro, con molti altri...

Anche se io non ho lavorato coi fonts... ho utilizzato i loghi aziendali ;)

Anonimo ha detto...

Grazie Bobo! Gentilissimo! :)


Onnis

Dario ha detto...

Erma', è il triste destino di noi buoni.
Bobbi', da un paio d'anni Rino Tommasi ha finalmente imparato il mio nome e ha cominciato ad esprimere il suo apprezzamento pubblicamente. Peccato che agli Australian Open la Gazzetta avesse 3 postazioni e solo un inviato.
Luché, un altro hobby da nerd?

p.s. Simo', l'architettoinnamorato che fine ha fatto?

Anonimo ha detto...

Dà,

bella domanda!
Invitato per una domenica foto-gastronomica al lago di Bracciano....prima sisisi....poi il silenzio spinto.

Bah...e diceva a me che da quando uscivo con Herbert ero sparito...vatti a fidare :-D

Ingegnere

federico ha detto...

ehm... la domenica che volevi andare al lago c'erano circa 30cm di neve un po' ovunque, non ho ancora trovato le catene per la moto ergo ho pensato che la domenica lacustre fosse rimandata a tempi più consoni :-)
cmq ci sono, infreddolito ma ci sono, (quasi) innamorato ma ci sono, lavorante ma ci sono, non scrivo ma vi leggo spesso e volentieri (soprattutto volentieri), ho fatto un w-e volante a Madrid dovo ho potuto consolidare alcuni punti fermi della mia vita: adoro il jamon iberico quasi quanto il periodo negro di Goya, Herzon & de Meuron sono sempre i miei architetti preferiti, gli spagnoli mi stanno simpatici quanto sono bruttini, viaggiare anche se poco, anche se per un we è sempre un ottimo motivo per vivere.

Anonimo ha detto...

...mai banale, l'amore mio!

...ma scusate, esite il "quasi-innamoramento????"


Ingegnere

Anonimo ha detto...

Hai voglia se esiste...

;-)

Stefania

Anonimo ha detto...

invece a me il jamon iberico non è piaciuto granchè...e Barcellona batte Madrid 10 a 0 per quanto mi riguarda:-)

Dariu', la cosa credo non ti sorprenderà ma avevo rimosso di aver visto quella partita con te...ricordo solo che avevo il pancione, che ancora sapevo cosa voleva dire dormire, che hai fatto una bella foto a Margot e tante a me, e che abbiamo discusso sul significato del viaggio...ma il gol di panza di Rosi insieme a te non lo ricordavo:-D

Il bello di questi giorni è che Giancarlo sta spesso a casa con me e il bimbetto...non avendo le catene siamo ai domiciliari.

Baci sparsi

p.s. letture...sono passata all'ultimo di Stephen king, "22/11/63"

Zucchi

Anonimo ha detto...

Di Stephen King consiglio: "Cuori in Atlantide".

Ingegnere

Anonimo ha detto...

thank you Inge

Anonimo ha detto...

p.s. e ovviamente adoro le linee curve, la genialità e l'imprevedibilità di Gaudì:-)

Zucchi

p.s. meeting on skype??

federico ha detto...

Gaudì è la gioia di essere uomini e quindi di poter creare liberamente.
anche se lui era un po' troppo legato a quel dio che in un modo o nell'altra l'ha richiamato a se troppo presto, prima che finisse quell'opera che doveva restare monumento all'uomo che vuole trovare dio...
madrid è diversa, come lo è milano da roma, ma non devono essere in competizione, fanno parte di gare diverse, barcellona gareggia su altri tracciati, più onirici, madrid segna a terra il passo dell'uomo timorato di dio, come l'escorial ci ricorda.
il quasi è solo una difesa estrema, come la scusa dei soldi per l'ing, ma va bene cosi, c'è tento per tutto.
baci e abbracci (rotondi)

Anonimo ha detto...

Fede, che bella definizione...Sì, hai ragione, non deve esserci competizione...probabilmente è che Gaudì fa risuonare corde ben precise della mia anima...mentre Madrid mi ha lasciato fredda. Il modo in cui ha vissuto e se ne è andato, e il ritrovarlo in angoli inaspettati di Barcellona me lo fa amare ancora di più:-)

E' bello il quasi innamoramento...


Qui rinevica di brutto, e qualche minuto fa abbiamo bardato il koala e lo abbiamo portato giù ad assaggiare la neve...non ha capito ma fa niente, io ero tanto contenta!!

Zucchi

Anonimo ha detto...

auguri a zia Jessica da tutta la famiglia zucchi, in particolare dal koala:-)

Z.

federico ha detto...

c'è della stanchezza in questo topic... è ora di lanciare altri ami Dario!
Facciamo il referendum!

Dario ha detto...

Mo' lo lancio, quasi-Archite'.
Aspettavo solo che SBS accettasse il mio piano ferie ;)

Anonimo ha detto...

e dunque???? che ci dici???

Z.

Rita ha detto...

Dariiiiooooooooooooo...
il piatto piange... se ci sei batti un colpo con un nuovo post!!!

Dario ha detto...

Che ti dico, Zucchi?
Che di questi tempi siamo più impegnati di Filippo e Elisabetta, che quando non sto su skype o al lavoro lotto strenuamente contro la tentazione di fare un falò con la Montagna Incantata (su ibs c'è un tizio che tutto contento dichiara di averlo letto in 6 mesi) e sto cercando un volo per fare un salto a maggio.
Ri', il massimo che potrei raccontarti risale agli ultimi due giorni. In Australia hanno scoperto che un ministro degli esteri può dare le dimissioni e sfidare il presidente del consiglio per la leadership del partito, e in radio hanno scoperto anche che si può fare un'ora di trasmissione su un argomento di attualità politica preparando i contenuti del programma la mattina stessa della diretta. Non si sa quale delle due scoperte ha provocato più turbamenti.

Anonimo ha detto...

Fffffffffffffffffffff


Ingegnere

federico ha detto...

male la montagna incantata, bene Murakami di 1Q84, le prime 200 pagine come sempre servono solo per entrare nel libro, le successive 200 per farti interessare sempre più, a quota 500 pensi di essere ormai in vista della fine ed in effetti ti mancano solo 200 pagine, 100 delle quali scorrovo via veloci pregne di tutto quello che le prime 500 non ti avevano detto, le ultime 100 ti fanno esclamare "ma porc, mo devi andare di corsa? ora che ci sto capendo qualcosa dammi il tempo di assaporarlo, no?" No.
alla fine resti sempre con l'amaro in bocca come in tutti i suoi libri la sensazione è che dovrebbe velocizzare l'inizio e rallentare le conclusione e magari non farti restare proprio appeso appeso dopo 700 pagine... ma vabbè a noi piace anche per questo immagino, sennò com'è possibile che venda cosi tanto?
cmq per rilassarmi dopo mi sono letto "la speculazione edilizia" di Italo Calvino, e non solo ti rilassi, ti riappacifichi con la letteratura, con la prosa, con l'intelligenza umana e con tutto quello con cui eri incazzato.
peccato che prima o poi (prima mi sa) li finirò tutti i calvino che tengo come moment nel cassetto.
ora sono indeciso tra "come un elefante furioso" di Coe, "i preferiti della fortuna" o qualcosa di simile della mc cullogh, racconto id vento e di mare aavv, riprendere in mano (stavolta per finire) delitto e castigo o il cimitero di prega... l'alternativa è andare in libreria, mi piacerebbe un saggio sull'uomo e sulla sua capacità di evolvere nonostante tutto, ne conoscete?

AleRoma55 ha detto...

Dario, Federico, che ha la montagna incantata di sfavorevole? Datemi un buon pretesto per farli (ho la versione in due volumi) continuare ad ingiallire nella mia libreria. I miei ultimi letti nel frattempo sono: Delitto e castigo (Fëdor Dostoevskij), Jordi Anfruns, sociologo sessuale (Manuel Vázquez Montalbán), Il paradiso degli orchi (Daniel Pennac), La città della gioia (Dominique Lapierre), Giallo su giallo (Gianni Mura), Il tamburo di latta (Günter Grass). In progress: Camera con vista (Edward Morgan Forster).
Un saluto a tutti,
AleRoma55

Anonimo ha detto...

Io consiglio vivamente Callisto, di Torsten Krol.

E se il buon Dario, che non lo ha letto, me lo boccia, peste lo colga.


Onnis

Dario ha detto...

Bimbonnis, non te lo boccio solo perché recensioni più autorevoli della tua lo promuovono a pieni voti. Tu puoi parlare solo di ... di... aspe' che ci penso e poi te lo dico.

Anonimo ha detto...

Imbarazzo della scelta, eh?

ghghgh


Onnis

Dario ha detto...

"La fisica moderna, in quanto dogma, vive esclusivamente del presupposto metafisico che le forme gnoseologiche della nostra mente, spazio, tempo e causalità, nelle quali si svolge il mondo fenomenico, siano condizioni reali, esistenti indipendentemente dalla nostra conoscenza. Questa tesi monistica è la più palese impudenza che sia mai stata ammannita allo spirito".
AleRo', sono due libri più o meno così. Più un florilegio di termini come eclampsia, vagellare e scepsi.
E se aspetti la fine per sapere se la Chauchat cede, lascia perdere, negli ultimi capitoli Mann manco la nomina...

p.s. Il Celletti (come saggio assaggia 'Il terzo scimpanzè' di Jared Diamond e poi mi dici) non l'ha mica letto :)

Anonimo ha detto...

Ho letto il tuo diario degli australian open. mi chiedo perché non scrivi un libro di fantasia! Mario